Cambio alla testa del POP

Nell’ultimo comitato cantonale svoltosi venerdì 16 ottobre, Leonardo Schmid, dal 2015 segretario politico del POP (sezione cantonale del Partito Svizzero del Lavoro), ha lasciato la carica per assumere maggiori responsabilità a livello nazionale nel comitato direttivo e nella commissione che prepara il prossimo congresso del PSdL previsto nel 2021.

Il comitato cantonale lo ha ringraziato per il lavoro svolto e ha nominato nuovo segretario politico Gianfranco Cavalli, già membro della segreteria. Al giovane dirigente il comitato cantonale ha espresso piena fiducia e sostegno augurandogli buon lavoro.

È stata inoltre decisa la linea politica in vista delle prossime elezioni comunali, quest’ultima prevede di creare delle alleanze, principalmente nelle città del Cantone, con le forze della sinistra che adotteranno una linea di opposizione alla gestione neo-liberale delle istituzioni. Gli accordi, secondo l’organo interno, devono avvenire su dei programmi che abbiano una base ecologista, femminista, antirazzista ed anticapitalista e che diano dunque seguito alle richieste dei movimenti sociali sfociati negli ultimi anni nel nostro territorio.

Infine, il Comitato Cantonale, ha deciso di sostenere il referendum contro la nuova legge federale sul CO2, ritenendo che questa proposta non sia che un tentativo mal riuscito di mascherare l’inquinamento delle grandi multinazionali presenti nel territorio e ritenendo insostenibili le nuove tasse proposte che andranno a gravare soprattutto sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori.